12/09/2017

Verde urbano per un modello di resilienza

In collegamento con l’International Symposium Greener Cities for More Efficient Ecosystem Services (Bologna 12-15 settembre 2017), viene realizzato il workshop:

Verde urbano per un modello di resilienza

Il corso si propone di fornire ai professionisti ed alle imprese una panoramica delle possibilità di intervento, sulla tematica della resilienza urbana, ragionando attorno ai nuovi strumenti di legge ed alle possibilità tecnologiche del verde urbano ai fini del perseguimento degli obiettivi del nuovo Patto dei Sindaci.
L’interesse che la politica dimostra per questa nuova visione della lotta ai cambiamenti climatici rappresenta anche una grande opportunità per gli operatori del settore del verde proprio ai fini del perseguimento degli obiettivi di riduzione del 40% della CO2, da ottenersi per il 2030, ma, soprattutto, per l’applicazione diffusa di strategie di mitigazione e adattamento dove il tema del verde, pubblico e privato, diventa un asse portante di queste politiche.

Il workshop prevede 4 ore di lezione nel corso delle quali verranno trattati i seguenti argomenti:
1- Dal PAES al PAESC : opportunità del verde urbano per il target resilienza (Teodoro Georgiadis, IBIMETCNR))
2- Strumenti modellistici per i professionisti e le imprese: valutazioni ex-ante ed ex-post intervento (Marianna Nardino, IBIMET-CNR)
3- Energetica urbana e verde pensile: dallo strumento della Legge 100 all’applicazione al costruito (Riccardo Rigolli, Studio Rigolli)
4- Tecnologie per la gestione del verde urbano (Mattia Accorsi, UNIBO Dip. Scienze Agrarie)
5- Presentazione di buone pratiche da parte di una SME brasiliana operante nel settore infrastrutture verdi (in appendice al corso)

Il workshop, in via di accreditamento presso l’Ordine degli Agronomi e l’Ordine degli Architetti, si terrà presso la sede di Nomisma (Strada Maggiore, Bologna), ed avrà un costo di 150 euro, scontati ad euro 130 per i Soci SOI in regola con la quota di iscrizione. L’accesso al workshop sarà invece gratuito per gli iscritti al convegno.

Per informazioni contattare dr. Francesco Orsini