Millard - Ecofisiologia del ciclo interno dell'azoto in alberi decidui da frutto

Ecofisiologia del ciclo interno dell'azoto in alberi decidui da frutto

Peter Millard*
Macaulay Institute, Craigiebuckler, Aberdeen AB15 8QH UK

Ecophysiology of the internal cycling of nitrogen in deciduous fruit trees

Parole chiave: Fertilizzazione, flussi di azoto, rimobilizzazione, riserve azotate, succo xilematico.

Riassunto

Nei Paesi dell’Unione Europea le aspettative della società e gli indirizzi politici hanno favorito la diffusione di metodi sostenibili di conduzione degli ecosistemi arborei. In tale contesto, i principi di gestione della fertilizzazione azotata mirano a limitare le quantità apportate di questo elemento al di sotto di valori soglia con l’obiettivo di ridurre le perdite di azoto (N) nell’ambiente. È evidente che per poter conciliare la salvaguardia dell’ambiente con la necessità di garantire un buon risultato produttivo e pertanto il reddito delle aziende frutticole, occorre ottimizzare l’uso delle risorse interne all’ecosistema arboreo. Le necessità di N per sostenere la crescita e la fruttificazione degli alberi sono soddisfatte dall’assorbimento radicale e dalla rimobilizzazione dell’N accumulato durante la(e) stagione(i) precedenti, grazie ad un ciclo interno all’albero. In questo lavoro sono descritti i flussi dell’N all’interno degli alberi decidui da frutto e discusso il loro ruolo nella gestione sostenibile delle colture arboree. In particolare ci si soffermerà sull’ accumulo e sulla rimobilizzazione dell’N tra un anno e quello successivo, e sui flussi annuali di N tra gli organi dell’albero. Oltre agli aspetti di fisiologia, chiariti grazie alla disponibilità dell’isotopo 15 dell’N, vengono descritte le implicazioni pratiche per la tecnica della fertilizzazione nel rispetto dell’ambiente.

Scarica l'articolo completo

Millard.pdf