Mezzetti e Gentile - Trasformazione genetica delle piante da frutto: risultati, applicazioni e sperimentazione

Bruno Mezzetti1* e Alessandra Gentile2**
1Dipartimento di Scienze Ambientali e delle Produzioni Vegetali, Università Politecnica delle Marche, Via Brecce Bianche, 60131 Ancona
2Dipartimento di OrtoFloroArboricoltura e Tecnologie Agroalimentari, Università di Catania, Via Valdisavoia 5, 95123 Catania

Parole chiave: piante da frutto GM, protocolli di rigenerazione e trasformazione, resistenza a malattie, habitus della piante, qualità frutto, normative OGM.

Riassunto

Sebbene la produzione commerciale di piante transgeniche di specie annuali sia una realtà, per le specie da frutto la produzione commerciale è invece ancora una prospettiva abbastanza lontana. La ricerca ha già però prodotto diversi risultati di interesse per le principali specie da frutto, in particolare per la resistenza a malattie (funghi, batteri, virus e insetti), la modificazione dell’habitus della piante e il miglioramento della qualità dei frutti. In 10 anni di sperimentazione in campo con OGM, il nostro paese si è distinto particolarmente per le ricerche sviluppate soprattutto per le specie da frutto (ciliegio, kiwi, fragola, lampone, olivo e uva da tavola). Il futuro della trasformazione genica per il miglioramento delle specie da frutto richiede lo sviluppo di protocolli di trasformazione genotipo indipendente, basati sulla trasformazione di cellule meristematiche con elevata efficienza rigenerativa. Attualmente vi è l’esigenza di incrementare le notifiche di sperimentazione in campo nel nostro paese e in Europa e di creare una rete Nazionale ed Europea sulla valutazione rischi e benefici delle piante da frutto GM.

Scarica l'articolo completo

Mezzeti.pdf