Mercuri et al - Utilizzo dei geni rol in floricoltura: risultati conseguiti e prospettive future

Antonio Mercuri*, Laura De Benedetti, Simona Bruna e Tito Schiva
CRA - Istituto Sperimentale per la Floricoltura, Corso Inglesi 508, 18038 Sanremo (IM)

Parole chiave: Agrobacterium rhizogenes, trasformazione genetica, piante ornamentali.

Riassunto

L'espressione nelle piante dei geni rol presenti nel plasmide Ri di Agrobacterium rhizogenes, altera alcuni dei processi di sviluppo della pianta ed influenza la sua architettura. Le piante ornamentali nel cui genoma sono stati inseriti questi geni mostrano il fenotipo hairy-root con specifiche differenze tra specie e tra linee transgeniche. In generale queste piante mostrano un fenotipo nano, ridotta dominanza apicale, foglie più piccole e arrotolate, aumentata capacità a radicare, fioritura alterata e ridotta fertilità. Tra i geni rol, rolCè il più utilizzato poichè i suoi effetti sono i più vantaggiosi in termini di miglioramento dei caratteri agronomici ed ornamentali..

Scarica l'articolo completo

Mercuri.pdf