Botton et al - Il controllo ormonale dell’attività vegetativa e produttiva negli alberi da frutto

Alessandro Botton1, Vanina Ziosi2, Anna Maria Bregoli2, Guglielmo Costa2* e Angelo Ramina1
1 Dipartimento di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali, Università di Padova, viale dell’Università 16, 35020 Legnaro (PD)
2 Dipartimento di Colture Arboree, Università di Bologna, viale Fanin 46, 40127 Bologna

Parole chiave: diradamento, maturazione, ormoni, regolatori di crescita, sviluppo del frutto.

Riassunto

Un insieme di ormoni endogeni regola in maniera coordinata l’accrescimento delle piante e la risposta agli stimoli ambientali. Oltre alle gibberelline, l’acido abscissico, le citochinine le auxine e l’etilene, altre sostanze come le poliammine, i giasmonati, i brassinosteroidi e l’acido salicilico sono in grado di regolare la crescita e lo sviluppo, sia direttamente, che interagendo con i principali ormoni. Recentemente sono stati sintetizzati nuovi composti chimici in grado di controllare in maniera mirata e precisa l’attività vegetativa e riproduttiva delle più importanti specie da frutto e la qualità complessiva dei frutti in pre- e postraccolta. Ulteriori ricerche si rendono tuttavia necessarie per approfondire la comprensione dei processi biochimici e molecolari che regolano la crescita e lo sviluppo delle piante, e quindi mettere a punto nuove strategie che concilino le esigenze ambientali e di sicurezza alimentare con la necessità di mantenere alti livelli quali-quantitativi della produzione frutticola.

Scarica l'articolo completo

Botton et al.pdf