Rogers - Meccanismi e segnali della morte cellulare programmata nelle piante

Hilary J. Rogers
School of Biosciences, Cardiff University, Main Building, Park Place, Cardiff CF10 3TL (UK)

Parole chiave: autofagia, apoptosi, caspasi, risposta ipersensibile, regolatori di crescita.

Riassunto

Nelle piante, la morte cellulare programmata (PCD) avviene sia nello sviluppo normale e nella senescenza degli organi che nella risposta all’ambiente ed ai patogeni. La PCD comporta la trascrizione di nuovi geni e l’attivazione di processi biochimici e cellulari, ed in questo si differenzia dalla morte rapida o necrotica. A livello morfologico ci sono somiglianze tra certi tipi di PCD vegetale e l’apoptosi animale, tra cui la degradazione del DNA e la condensazione della cromatina. Peró la PCD nelle piante é forse piú frequentemente simile alla morte autofagica. Uno dei conflitti tra i diversi modelli é l’assenza di geni omologhi alle caspasi, che sono importanti sia nel regolare che nell’effettuare la PCD animale. Anche la partecipazione del mitocondrio rimane da chiarire in molti tipi di PCD vegetale, ma sembra che in quasi tutte le forme di PCD vegetale ci sia un cambiamento dei livelli di calcio intracellulari. A livello extra-cellulare ci sono svariati ormoni che probabilmente regolano l’entrata della cellulla nella fase di PCD, ma non c’é un unico regolatore universale per tutte le forme di PCD. Quindi, benché manchino ancora model li complet i della PCD vegetale, incominciamo ad avere abbastanza dati per sviluppare modelli che dovranno essere confermati con ulteriori esperimenti.

Scarica l'articolo completo

Rogers.pdf