Varietà da conservazione in Italia: lo stato dell’arte per le specie orticole

Pietro Santamaria [Dipartimento di Scienze Agro-Ambientali e Territoriali, Università di Bari Aldo Moro];
Laura Ronchi [Regione Lombardia - DG Agricoltura - U.O. Sviluppo, Innovazione e promozione delle produzioni del territorio, Milano]

Dopo un’introduzione sull’origine, il significato e il valore di biodiversità, varietà locali e varietà da conservazione, la rassegna evidenzia che sono 102 le varietà da conservazione iscritte nel Catalogo Comune Europeo delle varietà delle specie di ortaggi. L’Italia è il Paese che vanta il numero maggiore di varietà iscritte, appannaggio di tre regioni italiane: Toscana (21), Piemonte (8) e Lombardia (3). Vengono presentati due casi studio, uno di successo (Regione Lombardia), che descrive la procedura adottata per l’iscrizione nel Registro Nazionale, e l’altro di prospettiva (Regione Puglia), e lo stretto rapporto che esiste tra i prodotti agroalimentari tradizionali e le varietà da conservazione.

Scarica l'articolo completo

L'articolo completo è disponibile per i soci SOI. Accedi con il tuo nome utente e password (se non sei socio/a, puoi iscriverti adesso on-line).