Jones - Il cambiamento climatico: osservazioni, proiezioni e conseguenze sulla viti-vinicoltura

Gregory V. Jones
Department of Geography, Southern Oregon University (USA)

Parole chiave: cambio climatico, viticoltura, vite, vino.

Riassunto

I cambi di clima hanno il potenziale di influenzare qualsiasi forma di coltivazione. Tuttavia, il processo storico dimostra che zone vocate per la vite (relativamente “ristrette” rispetto a quelle di altre colture) sono particolarmente suscettibili alle variazioni climatiche. Se, da un lato, il più volte assodato riscaldamento dell’aria osservato negli ultimi 50 anni ha esercitato un ruolo di prevalente miglioramento della qualità dei vini su scala mondiale, le proiezioni future indicano invece un duplice possibile effetto: positivo in termini di ampliamento delle zone in cui anche la coltura della vite diventerà praticabile (es. alcune aree del nord Europa) e negativo se riferito a zone già “temperate” per le quali il mantenimento della coltura della vite porrà problemi colturali ed enologici sempre più gravi. Nel complesso, le proiezioni di tipologia ed entità di cambiamento climatico apriranno certamente nuove sfide per la viticoltura tra le quali spiccano il ruolo sempre più strategico delle risorse idriche, gli spostamenti temporali delle fasi fenologiche, le alterazioni o, nei casi più gravi, la perdita delle caratteristiche di tipicità aromatica e, infine, gli adattamenti di scelta variatale che si imporranno anche a livello regionale.

Scarica l'articolo completo

Jones.pdf