Sequestro di carbonio in frutteti e vigneti

Damiano Zanotelli [Faculty of Science and Technology, Free University of Bozen-Bolzano];
Nadia Vendrame [Department of Agronomy, Food, Natural resources, Animals and Environment, University of Padova];
Álvaro López-Bernal [Department of Agronomy, University of Córdoba, Córdoba, Spain];
Giovanni Caruso [Department of Agriculture Food and Environment, University of Pisa e Center for Climate Change Impacts, University of Pisa]

I sistemi arborei possono agire da accumulatori netti di CO2 grazie alla loro capacità di stoccare carbonio organico nelle strutture permanenti e nel suolo. In questo articolo vengono esaminati tre importanti sistemi arborei da frutto quali melo, vite e olivo, che sono stati oggetto dell’“International Workshop on Carbon Sequestration in Horticultural Crops” tenutosi a Pisa il 30 ottobre 2018. La comprensione delle relazioni che intercorrono tra le variabili ambientali, i processi fisiologici e la gestione agronomica riveste un ruolo cruciale per una corretta stima dei flussi e dell´allocazione del carbonio in frutteti e vigneti

Scarica l'articolo completo

Zanotelli_01.pdf 32 Mb